Struttura di dati Smaltimento delle acque urbane

La struttura dei dati relativi allo smaltimento delle acque urbane (VSA-DSS) è un modello di dati che rileva la struttura statica del sistema di smaltimento delle acque urbane, rappresentando i singoli oggetti nel sistema e le relazioni tra di essi. Il sistema di smaltimento delle acque urbane è stato descritto in modo tale da accorpare i diversi aspetti e le varie applicazioni relative alla pianificazione del sistema di smaltimento a livello concettuale e da poterlo utilizzare come base «universale» per la formazione di una gestione dati integrata per lo smaltimento delle acque urbane.

Motivazione e storia

Le raccolte di dati relativi allo smaltimento delle acque urbane si formano oggi in luoghi diversi (amministrazioni comunali, uffici tecnici, geometri comunali, servizi ambientali ecc.). Le strutture di dati su cui si basano queste raccolte sono orientate primariamente alle problematiche note presenti nelle varie discipline specialistiche, ma emergono in genere anche come soluzioni «ad-hoc» proposte dai professionisti delle acque di scarico e della protezione delle acque.
Partendo dai diversi modelli orientati ai compiti diventa successivamente molto difficile scambiare i dati a un livello intersettoriale (protezione delle acque / rete di canali / impianto di depurazione) o tra diversi servizi (ingegnere / comune / cantone) (figura 1).

Figura 1: Diverse raccolte di dati e soluzioni ad-hoc

Lo scambio lineare di informazioni e la comprensione oltre i confini di un singolo ambito specialistico sono oggi resi difficili da problemi di comprensione, perché non esiste una modalità uniforme di utilizzo delle denominazioni.

Ad esempio, anche nell’ambito dello stesso smaltimento delle acque urbane, termini fondamentali come «sezione» e «opera speciale» assumono significati molto diversi. Per sezione si può intendere

 

  • la parte di un canale omogenea dal punto di vista idraulico
  • il collegamento strutturale tra due pozzetti o
  • una parte collegata della rete di canali con caratteristiche strutturalmente simili.

Sorgono di conseguenza inutili malintesi che rendono impossibile un semplice scambio di informazioni tra i diversi partner della pianificazione. In queste condizioni è difficile realizzare l’auspicata standardizzazione nella pianificazione dello smaltimento e dell’esercizio dal punto di vista del ciclo idrico nella zona abitata così come un processo di pianificazione efficiente e mirato.

Figura 2: Definizione dei concetti e classificazione delle informazioni in un modello di dati uniforme

Per questo motivo la Eawag ha deciso di sviluppare, insieme alla VSA e con il sostegno finanziario dell’UFAM, una struttura di dati concettuale per il settore della pianificazione dello smaltimento e di pubblicarla come parte di una direttiva per la gestione delle informazioni nello smaltimento delle acque urbane. La struttura di dati Smaltimento delle acque urbane (DSS) vuole essere il fulcro attorno al quale i professionisti si possono orientare per l’organizzazione e lo scambio di informazioni.

Con la struttura di dati si definisce in modo univoco quali oggetti del mondo reale rientrano nel concetto di sezione (solo la parte idraulicamente omogenea di un canale) e con quali parametri è possibile descrivere il termine Sezione (materiale, diametro, coefficiente di attrito). Per il collegamento strutturale tra due pozzetti e una parte collegata della rete di canali avente caratteristiche strutturalmente uguali si utilizza invece il termine “canale” (v. esempio Figura 2).